box 1 prest

I prestiti online sono veloci e convenienti: come funzionano

I prestiti online sono veloci, convenienti e facili da richiedere. Sono necessari pochi documenti ed è possibile sapere l’esito immediato in soli pochi click. 

La guida utile per avere tutte le più importanti informazioni sui prestiti online, scegliere il più conveniente ed evitare le truffe ed possibile simulare la rata.

prestiti online box 1

Prestiti online veloci: come richiederli, i documenti, la firma digitale

Ormai quasi tutte le banche e/o istituti di credito danno la possibilità al cliente, o futuro cliente, di richiedere prestiti o finanziamenti comodamente su internet tramite pc o smartphone.

Molto spesso sono anche convenienti dal punto di vista economico, perché si riducono gli intermediari e non ci si rivolge allo sportellista in filiale.

Come i tradizionali prestiti in banca, anche quelli online richiedono una documentazione adeguata e dei requisiti finanziari. In mancanza di questi, il prestito non viene concesso. Ci sono poi alcuni tipi di prestito per coloro che sono disoccupati o senza busta paga.

documenti

I documenti da presentare per i prestiti online sono anagrafici e reddituali:

Documenti anagrafici:

  • copia di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale,
  • certificato di residenza,
  • per i cittadini di paesi extracomunitari è richiesto il permesso di soggiorno,
  • stato di famiglia.

Documenti reddituali

Per i lavoratori dipendenti:

  • copia delle ultime due buste paga, o del cedolino della pensione,
  • redditi risultanti dall’ultimo CUD, 730 o modello unico,
  • Ultimo estratto del conto corrente.

Per i lavoratori autonomi e liberi professionisti:

  • certificato di iscrizione all’albo o alla camera di commercio,
  • ultime due dichiarazioni dei redditi e modello F24,
  • bilancio parziale successivo all’ultima dichiarazione.

Una volta recuperati questi documenti, è sufficiente fare una ricerca su internet tra le diverse offerte di prestiti online (attenzione alle truffe, leggi il paragrafo dedicato).

tempistiche

I prestiti online sono veloci?

Con i prestiti online i tempi sono oggettivamente più veloci, qualunque sia la banca o istituto di credito a cui ci si rivolge: non ci sono intermediari e non è necessario girare per più filiali alla ricerca del prestito più conveniente.

Per agevolare la valutazione e concessione del prestito è necessario, però, avere tutta la documentazione pronta e a portata di click (il dettaglio dei documenti nel paragrafo precedente). I siti forniscono già un elenco delle pratiche necessarie e il form da compilare per l’accettazione; pertanto, si consiglia di verificare bene le condizioni.

 

Si può avere un prestito online in 24 ore?
 

Il prestito online è veloce, ma non sarà mai erogato in un’ora o 24 ore.

La maggior parte delle banche, istituti di credito e promotori presentano l’opzione veloce come reale, ma non può essere così perché chi erogherà il prestito dovrà valutare le condizioni finanziarie del cliente che lo richiede; quindi accertare reddito, busta paga e soprattutto l’assenza di segnalazione nei database Sif o Crif.

Tuttavia, il prestito online è comunque più veloce del prestito richiesto in filiale: il cliente non avrà bisogno di girare per banche e istituti di credito, l’operazione è facilmente eseguibile da pc o smartphone.

È possibile ottenere un prestito senza garanzie? Si lo è, ma non sempre sono erogati dalle banche.

È possibile ottenere un prestito senza garanzie? Si lo è, ma non sempre sono erogati dalle banche.

Si tratta di fondi di enti pubblici ai quali accedere con garanzie minime o nulle, basta solo rientrare nei parametri richiesti dai bandi di accesso. I più comuni sono:

  • i prestiti per i giovani
  • i prestiti garantiti da enti pubblici

Tra i prestiti per giovani c’è il prestito d’onore. Si tratta di una forma di finanziamento che permette ai giovani iscritti alla scuola secondaria superiore e all’università di concludere il proprio ciclo di studi. Il parametro fondamentale è avere una buona media di voti e costanza negli studi. Il prestito si suddivide in una parte a fondo perduto (60%) e un’altra a fondo agevolato (40%).

I prestiti erogati da enti pubblici sono finanziamenti garantiti dallo Stato o dall’Unione Europea. Rientrano nella sfera del micro-credito e vengono concessi con una sola condizionale: che il prestito venga utilizzato per l'avviamento di progetti imprenditoriali o per la loro prosecuzione, a patto che una volta realizzati abbiano un ritorno economico.

Chi riceve questi prestiti può godere di condizioni agevolate che gli permetteranno di estinguere il finanziamento perché molto spesso questi bandi sono a fondo perduto, parziale o totale.

I prestiti online sono sicuri? Ecco come evitare le truffe

I prestiti online sono sicuri? Ecco come evitare le truffe
 

Quando si richiede un prestito online non si ha un interlocutore fisico come allo sportello e spesso può venire meno il concetto di fiducia. Viene spontaneo da chiedersi quindi se i prestiti online siano sicuri.

La risposta è sì, ma si deve fare attenzione. Lo si può verificare in pochi semplici passaggi.

Il primo controllo da fare è accertare l’autorevolezza e sicurezza della società consultata per il prestito presso l’Oam, l’Organismo degli Agenti e dei Mediatori, e verificare l’iscrizione all’elenco fornito dal sito.

Ci sono anche alcune particolarità da notare se il sito web sia affidabile o meno: l’indirizzo sarebbe opportuno abbia https:// perché è sicuro e la trasmissione dati non viene intercettata; l’esistenza di una partita IVA e PEC certificata; il sito aggiornato e funzionante.

 

adv magazine prestiti online

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. La banca - prima di concedere il prestito -valuta la tua capacità di rimborso delle rate, cioè il merito creditizio. Per conoscere le condizioni contrattuali ed economiche del prestito, puoi leggere il documento “"Informazioni europee di base sul credito a consumatori" che può richiedere in Filiale. Il prestito è erogato da Bibanca, e il Banco di Sardegna si occupa dell'attività di distribuzione, cioè mette a disposizione la cifra prestata al cliente. L’offerta è valida fino al 31/12/2023, sempre che non venga prorogata o chiusa in anticipo.